IL CERCHIO DEI 12 MESI ORANGIOIA

Ci sono immagini che delicatamente sanno farsi strada.
Non te ne rendi conto nell’immediato
ma col tempo cogli l’energia di segni e colori.
Poi ci sono parole che emergono con dolcezza e temperamento
a spezzare silenzi.

Per Orangioia sono stati 12 mesi
di segni e parole in cui si è:

splancata una porta;
sorseggiato un tè;
messo ali ad idee;
dato un calcio a pensieri neri;
dondolato su un ramo a testa in giù;
trovato il bello;
sentita l’energia addosso;
ascoltato sussurrare il mare;
progredito senza stanchezza;
gustato un ballo;
ammirato il prodigio;
sorriso al tesoro.

Ecco, aver visto tante persone
affacciarsi in questo percorso circolare

mi fa sentire pronta a scivolare nel nuovo anno.

 


Foto di copertina a cura di  Benedetta Di Claudio autrice del post su Facebook che ha riscaldato il mio cuore alla fine di questo 2017 e di cui riporto il testo integrale.


Grazie per questa carezza inattesa.
Ha reso questo natale più bello.
La gratitudine è spesso poco “percorsa” ma poi da un tratto tutto muta.
Quando senti di esser compresa il mondo appare più sopportabile.
Grazie per la tua infinita poesia che è qualcosa che sa di vita ♥️🙏🎄

“lucertola, dai, ti strappo la coda
Tanto lo sai che poi ti ricresce!
È tu cos’hai che poi ti ricresce?
Niente. Niente, io non ho cose così!
E allora come fai, senza coda come fai a imparare a vivere ancora
Anche se qualcosa ti manca
È aspettare il tempo che basta
Perché quello che manca non ti manchi più. Senza coda come fai? Quasi quasi te la presto! ”
#giusiquarenghi

Questo #natale2017 ha il sapore delle sorprese vere, quelle fanno battere il cuore all impazzata. Grazie Orangioia per avermi prestato una coda